Previsioni Euribor del 2 marzo 2018

curva-dei-tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-2-marzo-2018

Le debolissime ma significative limature che sul breve termine riducono le attese del Liffe sono dovute all’ultima stima preliminare di rallentamento della dinamica dei prezzi al consumo elaborata da Eurostat: i tassi Euribor 3 mesi, pur essendo visti sempre in crescita dal fixing -0,327% del 2 marzo 2018, raggiungeranno quota -0,205% a marzo 2019.tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-2-marzo-2018

Si rafforzano così le indiscrezioni che giovedi prossimo non sarà annunciato dal board alcun cambiamento per il ritmo degli acquisti mensili di attività operati dalla Bce né per i tassi di interesse base: estrapolate dai derivati che segnalano variazioni al tasso sui depositi bancari, le probabilità che possa essere deciso un aumento nell’ordine del +0,1% sono nulle fino alla riunione di aprile e salgono appena al 35% per gennaio dell’anno prossimo.

Alle limature dell’Euribor 3 mesi tra il 2020 ed il 2022, mai superiori ai quattro centesimi a distanza di una settimana, ha contribuito il rallentamento dell’attività manifatturiera nella zona euro: vista quota superiore all’1% a inizio 2022.

Coi medesimi valori di venerdi scorso, in chiusura Euribor 1-6-12 mesi a -0,37%, -0,271% e -0,191%.

Depositi overnight usati giovedi per 694 miliardi di euro e conti correnti presso Bce per 1.309 mld.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor e Irs del 9 marzo 2018”)

Lascia un commento