Jacko: vita, morte e debiti

 

Dai media americani non arriva solo la spiacevole notizia della scomparsa di un mito del Pop che, con musiche e balli trascinanti, ha accompagnato molti dei nostri momenti di svago adolescenziale, quando cuffiette e mangianastri tascabile facevano parte del nostro look al pari delle Timberland e del risvoltino sull’orlo dei blue jeans che mostrava il calzino bianco.

Da oltreoceano, da un popolo pragmatico per antonomasia, ci giungono puntuali anche gli aggiornamenti sull’enorme debito per oltre 400 milioni di dollari accumulato da Michael Jackson nel corso della sua vita stravagante, degna di un artista ai limiti di molte cose, compresa la propria salute fisica e mentale.

Alle ipoteche apposte sui suoi beni più preziosi, al prestito ottenuto dalla Bank of America e alle spese legali sostenute per risolvere i suoi problemi con la giustizia, si aggiunge l’incubo dell’organizzazione AEG che ha già incassato 85 milioni di dollari dalla vendita dei biglietti del suo prossimo tour mondiale programmato, e che ora dovrà restituire: l’esame autoptico disposto, rivelatore della causa di morte di Michael Jackson, potrebbe far saltare le coperture assicurative, e gli annessi risarcimenti, qualora il decesso non fosse avvenuto per cause naturali.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.