Previsioni Euribor del 16 marzo 2018

curva-dei-tassi-eurbor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-16-marzo-2018

Se a Francoforte il presidente Draghi dice di attendere conferme ulteriori per la crescita dei prezzi al consumo, ma poi il dato finale Eurostat di febbraio scende all’1,1% anno su anno rispetto alla stima flash, e se la prudenza domina sul mercato secondario dove si temono le conseguenze commerciali dei dazi nordamericani, stavolta sottolineate dall’Ocse, i differenziali sulla curva dei tassi attesi il 16/03/2018 si presentano tutti negativi ed incidono a partire dai mesi dell’anno in corso.tassi-eurbor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-16-marzo-2018

L’Euribor 3 mesi ritorna a -0,3% per dicembre prossimo, dalla previsione -0,275% di venerdi scorso.

Tasso variabile positivo posticipato a dicembre dell’anno dopo.

Sempre sul medio termine: vista quota 0,5% a fine 2020.

Nove centesimi in meno per l’ultima scadenza disponibile in scaletta, col tasso nominale che torna in quota 1,4% negli ultimi giorni del 2023.

Il mercato interbancario, forte del solito eccesso di fondi visibile dal totale dei depositi overnight e dei conti correnti presso Bce al nuovo record di 2.025 miliardi di euro nel primo giorno del periodo di mantenimento riserva obbligatoria, non viene toccato da alcun fattore esogeno: né la nuova proposta di gestione dei non performing loans avanzata dalla Commissione europea, né il prossimo rialzo dei tassi base Usa (+0,25% scontato nei derivati) distolgono l’Euribor 3 mesi dal proprio cammino lineare che lo fissa a -0,328% il 16 marzo 2018.

In chiusura Euribor 1-6-12 mesi rispettivamente a -0,37%, -0,272% e -0,192%.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor del 23 marzo 2018”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.