Monete datate

Aureo d'oro dell'imperatore romano Aureliano (121 DC)

Se oggi per noi è assodato che sul denaro venga impressa una data, non sempre è stato così nei secoli passati.

Le monete utilizzate da alcuni esuli dall’isola egea di Samo, stabilitisi a Messana in Sicilia, rappresentano l’esempio più antico di apposizione della data: su di esse compare la lettera A che sta per “anno uno” decorrente dal primo insediamento nel 494 AC.

Alcuni secoli dopo l’imperatore Adriano, per celebrare la nascita di Roma nel suo 874-esimo anniversario, volle decretare le corse al circo e consegnarne memoria ai posteri con la bella moneta del 121 DC (aureo d’oro).

In Europa, le monete datate più antiche risalgono al re di Danimarca Valdemar I° (1234), mentre soltanto al 1539 corrisponde la data apposta sul ducato d’oro (bonnet piece) nell’Inghilterra di Giacomo V.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.