Previsioni Euribor dell’11 settembre 2015

L’attesa prudente per la prossima decisione della Federal Reserve, che non dovrebbe modificare le condizioni sui tassi base, rappresenta il motivo principale della conferma delle previsioni per l’anno corrente e per il prossimo: la curva dei tassi Euribor 3 mesi futuri, sovrapposta a quella della settimana passata, rivela scostamenti al ribasso inferiori ai cinque centesimi sul tratto a medio termine, dove gli operatori di Londra hanno manifestato considerazione assai scarsa per la crescita del Pil nell’Europa a diciannove in seconda lettura preliminare eseguita da Eurostat.

curva dei tassi Euribor 3 mesi previsti fino al 2021 (Liffe, 11 settembre 2015)

Il mercato monetario, grazie alle continue immissioni del programma QE, ha vissuto anche questa settimana una condizione di liquidità in crescita che si riflette sull’utilizzo dei depositi giornalieri e dei conti correnti presso Bce, ai massimi da inizio 2014 (oltre 625 miliardi di euro in totale) e conseguentemente superiori a quelli della settimana scorsa nonostante il periodo di mantenimento della riserva obbligatoria sia appena iniziato.tassi Euribor 3 mesi previsti fino al 2021 (Liffe, 11 settembre 2015)

Ovvi riflessi pure sul mercato interbancario, dove i tassi di interesse ai quali gli istituti commerciali si prestano denaro senza garanzia sono diminuiti ad eccezione della scadenza mensile invariata in chiusura rispetto a lunedi (-0,104%).

L’Euribor 3 mesi, in data 11/09/2015, scende a -0,038% perdendo quattro millesimi sul dato a sette giorni.

Euribor 6-12 mesi rispettivamente a 0,037% e 0,157% (fonte dati: Aritma).

L’Euribor 1 settimana è arrivato a sfiorare quota -0,15%.

Venerdi 11 settembre 2015, quando la Germania non registra variazioni mese su mese per l’indice dei prezzi al consumo finale di agosto ed il petrolio si indebolisce per il taglio delle previsioni di prezzo OPEC, i tassi impliciti nei futures sull’Euribor 3 mesi segnalano la conferma di quota -0,04% per metà dicembre.

Euribor 3 mesi piatto fino giugno 2016 e poi sempre in risalita, passando per lo 0,2% di marzo 2018.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor del 18 settembre 2015”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.