Previsioni Euribor dell’11 novembre 2016

Le deboli increspature che hanno caratterizzato i tassi future nelle prime due sedute della settimana sono state seguite da violenti movimenti al rialzo per l’elezione del Presidente degli Stati Uniti d’America: dopo un primo momento di riflessione e inattività, gli operatori hanno deciso di dare credito alle parole di chi ha promesso un ritorno alla prosperità economica.

curva-dei-tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2022-liffe-11-novembre-2016

In tale contesto è irrilevante la contrazione delle vendite al dettaglio in ottobre, registrata dal Markit Eurozone Retail PMI al livello più basso da giugno, per lo spiazzamento del contributo tedesco operato da Francia e Italia.

I tassi di interesse che regolano il costo del denaro prestato tra banche commerciali del vecchio continente, fra i pochissimi punti fermi di una settimana molto tribolata, hanno invece provveduto a contenere in quota -0,305% la previsione di metà dicembre nelle vicinanze del fixing Euribor 3 mesi -0,312% (confermato giorno dopo giorno fino all’11/11/2016).tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2022-liffe-11-novembre-2016

Stabile lo 0,28% atteso per marzo prossimo, epoca di conclusione del QE secondo le più recenti informazioni.

Ad eccezione delle prime due scadenze disponibili, l’irrigidimento della curva che rappresenta i tassi impliciti appare marcato e progressivo, con differenziali positivi a sette giorni che si assestano a ventitre centesimi soltanto sul tratto di lungo termine.

Anticipato quasi di un anno il ritorno al segno positivo per l’Euribor 3 mesi, visto a 0,03% per settembre 2019.

Gli operatori di Londra, l’11 novembre 2016, valutano il parametro usato più frequentemente per indicizzare i mutui a tasso variabile in avvicinamento verso quota 0,7% al termine del primo trimestre dell’anno 2022.

Euribor 1-6-12 mesi rispettivamente a -0,374%, -0,21% e -0,069% (fonte dati: Aritma).

Depositi overnight usati per 459 miliardi di euro e conti correnti presso Bce per 804 miliardi. Eccesso di liquidità nel sistema stimato sempre sopra i 1.100 miliardi di euro.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor del 18 novembre 2016”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.