Previsioni Euribor del 26 maggio 2017

tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-26-maggio-2017L’Euribor 3 mesi si conferma sul mercato interbancario a -0,329% ancora per quattro delle cinque sedute settimanali, vicinissimo al minimo storico che non riesce a toccare per un lieve e fisiologico riassorbimento della liquidità sistemica conseguente ai riversamenti fiscali degli istituti italiani.

Rientra per circa 20 miliardi di euro il totale a sette giorni dei depositi overnight e dei conti correnti presso Bce, rispettivamente usati giovedi per 560 e 1.188 miliardi, come pure si alza l’Euribor 1 mese che chiude a -0,371%.

Anche il brevissimo prosegue a tenersi alla larga dal minimo storico assoluto.

Maggiormente influenzati dalle vicende dei mercati obbligazionari, invece, vanno in discesa l’Euribor 6 mesi (-0,254%) e l’Euribor 12 mesi (-0,13%) – fonte dati: Kairos Partners.

Lunedi, a causa dei movimenti sul secondario, si sono manifestate increspature dei tassi previsti evidentemente non attribuibili al mantenimento del record a sei anni per l’indice Markit Pmi Eurozona, disponibile il giorno dopo in lettura flash per il mese di maggio.

A riequilibrare tutto, giovedi, è intervenuta la delusione per l’esclusione di ogni ipotesi di ulteriore riduzione dell’output di greggio proprio in occasione della conferma della proroga ai tagli OPEC per nove mesi: il ribasso paradossale del prezzo del petrolio ha influenzato i listini azionari e quindi ha fatto scattare gli acquisti di asset meno rischiosi.

curva-dei-tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-26-maggio-2017

Il 26 maggio 2017, quando la stima del Pil Usa va oltre le attese in seconda lettura ma non intacca la salita dei derivati sul Liffe nel corso della giornata, i tassi impliciti nei futures sull’Euribor 3 mesi tracciano di nuovo un tratto orizzontale fino a settembre (-0,32%).

Leggermente più rapida la crescita nei mesi a seguire (-0,27% a marzo 2018), complice la conclusione del QE che tuttavia una parte del mercato ritiene sarà prorogato.

Differenziale a sette giorni negativo per appena due centesimi a fine 2018, quando il tasso è atteso in quota -0,13% e la crescita diviene lineare.

Euribor 3 mesi confermato a 0,98% nel 2023.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor del 2 giugno 2017”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.