Previsioni Euribor del 21 aprile 2017

curva-dei-tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-21-aprile-2017

Anche se il ritmo degli acquisti mensili della Banca Centrale Europea è calato da 80 a 60 miliardi di euro al mese, la liquidità crescente nel sistema tiene l’Euribor 3 mesi incollato al minimo storico per due sedute. In chiusura di settimana: fixing -0,331% il 21/04/2017.

Rimane piatto anche l’Euribor 1 mese (-0,371%), così come l’Euribor 1 settimana rasenta quota -0,38%, ai limiti col tasso sui depositi bancari previsto invariato per i prossimi dodici mesi.

La Bce, infatti, non dovrebbe comunicare giovedi 27 alcuna variazione all’attuale indirizzo di politica monetaria, mantenendo invariati sia i tassi base che la portata e l’estensione del QE.

tassi-euribor-3-mesi-previsti-fino-al-2023-liffe-21-aprile-2017Il dato definitivo Eurostat sull’inflazione di marzo ha confermato le indicazioni preliminari e quindi ha attenuato le pressioni sul board.

Ciononostante, proprio i tassi future da metà settimana hanno accusato increspature che, pur inserite in un quadro generalizzato di tensioni politiche, originano da riposizionamenti tecnici suggellati in ultimo dalla lettura flash per l’indice Markit PMI Eurozona di aprile in crescita sul mese prima.

In base ai valori estrapolati dai derivati del Liffe il 21 aprile 2017, l’Euribor 3 mesi è visto a -0,31% per metà anno.

Sempre in aumento sulla scaletta, il tasso più usato per l’indicizzazione dei mutui con determinazione degli interessi in misura variabile raggiungerà quota -0,21%% a metà 2018 e si annullerà per settembre 2019.

Sarà necessario aspettare fino a marzo 2022 (0,675%) per raggiungere la parità di tasso nominale con quei contratti che stabiliscono oggi condizioni di costo maggiori nella misura dell’1%.

Sulla scadenza di marzo 2023 (0,99%) si colloca il maggior differenziale rispetto a giovedi scorso, positivo per oltre sette centesimi.

Euribor 6-12 mesi rispettivamente a -0,249% e -0,124% (fonte dati: Aritma).

Giovedi depositi overnight usati per 559 miliardi di euro e conti correnti presso Bce per 1.130 miliardi.

(per le attese della prossima settimana sui variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor e Irs del 28 aprile 2017”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.