Previsioni Euribor del 2 ottobre 2015

curva dei tassi Euribor 3 mesi previsti fino al 2021 (Liffe, 2 ottobre 2015) La lettura preliminare mensile negativa per l’indice dei prezzi al consumo tedeschi e la stima dello stesso segno sulla variazione del livello dei prezzi nell’Eurozona a settembre, il giorno dopo, hanno suggerito in settimana idee di ampliamento per le condizioni del Quantitative Easing ed eroso lentamente i tassi future di breve termine: distribuite in maniera crescente, le limature dei tassi Euribor 3 mesi previsti rendono visibile nella prima parte della curva l’andamento parabolico caratterizzato dal punto di minimo a metà 2016 (-0,085%). Tassi in ribasso già a partire da metà dicembre prossimo (-0,065%) a significare continuità con l’andamento giornaliero delle quotazioni (fixing -0,044% del 2 ottobre 2015).tassi Euribor 3 mesi previsti fino al 2021 (Liffe, 2 ottobre 2015)

Si allunga fino a metà 2017 il periodo di tempo durante il quale l’Euribor 3 mesi permarrà negativo (-0,015%) a causa dei dati peggiorativi rivenienti dalla lettura dell’indice finale destagionalizzato Markit PMI sul manifatturiero Eurozona di settembre, rallentato al valore più basso in cinque mesi; sui tassi di medio termine, probabilmente, ha pesato anche lo scandalo Volkswagen ed i rischi di coinvolgimento per altri marchi che certo non giovano all’economia dell’area.

In data 02/10/2015 il parametro base più presente nei mutui a tasso variabile è visto a quota 0,695% per marzo 2020, dodici centesimi sotto le attese maturate sul Liffe lo scorso venerdi 25 settembre. La curva si presenta nel complesso più bassa.

Sulle previsioni ha influito anche l’andamento generale del mercato interbancario dove il regolamento dell’ultimo Tltro, l’assenza di riversamenti fiscali e le continue immissioni di liquidità (eccesso di sistema di nuovo abbondantemente sopra i 500 miliardi di euro) hanno consolidato il trend al ribasso: Euribor 1-6-12 mesi in chiusura di settimana rispettivamente a -0,113%, 0,026% e 0,139% (fonte dati: Aritma).

Euribor 1-2 settimane molto vicini però mai sotto quota -0,15% fino a giovedi, quando i depositi overnight sono stati usati secondo volumi in crescita a 143 miliardi di euro ed i conti correnti presso Bce per 479 miliardi.

(per le attese della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor del 9 ottobre 2015”)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.