Previsioni Euribor 3 mesi del 29 novembre 2013

Settimana in salita per i tassi sul mercato interbancario, dove l’Euribor 3 mesi acquista 11 millesimi rispetto a venerdi scorso e rimane fissato a quota 0,234% il 29/11/2013, eguagliando il massimo annuale del 1° febbraio. Anche le scadenze Euribor 1-6-12 mesi (rispettivamente 0,166%, 0,33% e 0,501%) risentono del lento e progressivo assorbimento della liquidità in eccesso che, stimata attorno ai 160 miliardi di euro, subirà ulteriore contrazione per la restituzione volontaria di 7,235 miliardi di euro la prossima settimana (finestre Ltro a 36 mesi del 2011 e 2012).

Si fa strada la possibilità di una prossima asta straordinaria Bce finalizzata ad erogare liquidità alle banche commerciali con vincolo di finanziamento alle imprese europee, ipotesi da tempo allo studio ma della quale ora si parla con maggior insistenza anche alla luce del dato in calo (massimo storico) sui finanziamenti ai privati nel mese di ottobre secondo fonte Eurotower.

Sembrano rientrare le tensioni sul brevissimo per motivi di calendario: dopo il picco di mercoledi, fine settimana in calo per l’Euribor 1-2 settimane (0,125% e 0,13%).

Spunti macro di scarso rilievo, nel corso delle ultime sedute, hanno favorito modeste variazioni giornaliere dei tassi future sul mercato Liffe.

Diffuse limature hanno allungato il tratto orizzontale della curva e poi, a salire, hanno ridotto le attese dell’Euribor 3 mesi poco oltre la soglia 0,3% per la fine dell’anno prossimo e poco sopra lo 0,6% per fine 2015.

In data 29 novembre 2013 la scadenza di metà mese prossimo segnala quota 0,24% appena superiore al fixing. Non è in previsione per il 5 dicembre l’annuncio di un ulteriore taglio al costo del denaro: in questa direzione vanno sia le voci della summenzionata politica monetaria non convenzionale, che accompagnerebbe la manovra espansiva Bce del mese scorso, sia la stima flash Eurostat sull’inflazione europea di novembre in salita allo 0,9% che venerdi non ha alterato le scadenze ravvicinate dei tassi impliciti.

Giovedi scorso sono scesi i depositi overnight a 41 miliardi di euro e l’Eonia a 0,127%.

(per le previsioni della prossima settimana sui tassi variabili di mutui e obbligazioni: “Previsioni Euribor e Irs a dicembre 2013“)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.