Previsioni Euribor 3 mesi del 21 dicembre 2012

Tassi interbancari tutti fermi – in linea con l’andamento settimanale – eccetto l’Euribor 3 mesi che sale di un millesimo a quota 0,184% il 21 dicembre 2012, poco sopra al minimo storico di dieci giorni fa. Gli altri tassi fanno registrare 0,11%, 0,318% e 0,543% sulle rispettive scadenze a 1-6-12 mesi, mentre appare in lieve risalita lo spread Euribor-Ois a 12,2 punti base.

Rispetto a sette giorni prima è in salita l’Euribor a 1-2-3 settimane (0,088%; 0,091%; 0,098%); Eonia giovedi a quota 0,069% e somma tra conti correnti e depositi presso Bce inchiodata a 721 miliardi di euro (per il terzo giovedi consecutivo).

In pieno clima pre-natalizio ed in mancanza di dati economici rilevanti, gli operatori del Liffe ricontrattano i derivati producendo lievi increspature dei tassi impliciti sino a metà 2015 e lievi limature per le scadenze successive, con variazioni nell’ordine massimo di tre centesimi. Ne deriva un ulteriore ridimensionamento degli effetti del taglio del P/T atteso per i primi dell’anno prossimo, manovra che appare adesso meno probabile e sulla quale le sedute a venire dovranno esprimere indicazioni più chiare. Le aspettative del 21/12/2012 proiettano l’Euribor 3 mesi ancora in discesa a quota 0,17% e stabiliscono l’inversione di tendenza per settembre 2013, quando il parametro dovrebbe tornare sui livelli attuali.

(per le previsioni sui tassi variabili dei mutui della settimana prossima: “Previsioni Euribor 3 mesi del 28 dicembre 2012“)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.