Previsioni Euribor 3 mesi del 15 giugno 2012

La settimana è trascorsa all’insegna della crescita delle quotazioni dei tassi Euribor sul mercato interbancario dove, in particolare, la scadenza trimestrale ha proceduto in rialzo fino allo 0,663% di giovedi, per poi riattestarsi a 0,662% il 15/06/2012, un millesimo sotto il fixing di venerdi scorso.

Lievi increspature dei giorni passati che sono andate di pari passo con i movimenti dei tassi impliciti nei futures sull’Euribor 3 mesi, scesi poi su tutta la scaletta venerdi – con punte di dieci centesimi tra fine 2013 e settembre 2014 – anche grazie alle parole di Mario Draghi sul sostegno di liquidità alle banche europee, operazione da realizzarsi forse congiuntamente a quella di altri istituti centrali fra cui la Bank of England.

La curva dei tassi previsti, praticamente invariata a confronto con quella tracciata la settimana prima, prosegue in discesa fino al primo trimestre dell’anno prossimo, passando per lo 0,54% di settembre 2012, e segnala il superamento di quota 2% a marzo 2017.

Mentre l’Eonia si conferma sui livelli della settimana prima (giovedi 14 a quota 0,331%) e lo spread Euribor-Ois, dopo essere sceso a metà settimana, risale a 41 punti base, torna sotto i 700 miliardi di euro l’utilizzo dei depositi giornalieri presso la Bce: il dato, tuttavia, non è interpretabile come un calo della tensione sul mercato interbancario ma è la conseguenza del minore impegno di capitali che si osserva nei giorni seguenti alla chiusura del periodo di mantenimento della riserva obbligatoria (ultima datata 12 giugno).

(per le previsioni della prossima settimana: “Previsioni Euribor 3 mesi del 22 giugno 2012“)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.