Previsioni Euribor 3 mesi del 15 febbraio 2013

Con l’annuncio di altri 3,79 miliardi di euro per mercoledi prossimo (quarta “finestra”) che porteranno i rimborsi volontari per l’operazione straordinaria del 2011 con durata trentasei mesi a superare il totale di 149 mld, si stabilizza verso il basso il quantitativo di denaro restituito dalle banche europee e tornano a scendere tutte le scadenze dei tassi di mercato: Euribor 3 mesi fissato 0,225% in data 15/02/2013; 0,12%, 0,363% e 0,593% rispettivamente per l’Euribor a 1-6-12 mesi.

Sul brevissimo Euribor 1-2-3 settimane a 0,081%, 0,091% e 0,101%: tra questi soltanto il primo in discesa in relazione alle quotazioni del giorno 8.

Bene in linea col quadro descritto dalle cifre, il contenuto dell’ultimo bollettino Eurotower ha rimandato al prossimo anno la crescita del Pil nell’Eurozona ed ha ritoccato verso il basso anche le stime dell’inflazione che riducono la probabilità di una stretta monetaria: proprio giovedi scorso i tassi impliciti nei futures sull’Euribor hanno subito le correzioni più importanti lungo l’intera scaletta.

A confronto con i tassi di sette giorni fa, invece, gli operatori sul Liffe confermano i precedenti valori mantenendo la previsione di un tasso Euribor 3 mesi in rialzo sul fixing corrente: al 15 febbraio 2013 le scadenze da marzo (0,24%) a dicembre di quest’anno (0,39%) perdono soltanto da uno a tre centesimi.

Giovedi scorso differenziale Euribor-Ois a 12,6 basis points, Eonia giù a 0,066% e totale depositi overnight presso Bce più conti correnti sceso a 594 miliardi di euro.

(per le previsioni della settimana prossima sui tassi variabili dei mutui: “Previsioni Euribor 3 mesi del 22 febbraio 2013“)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.