Monete d’oro

 

statere d'oroGli abitanti di Sardes, capitale della Lidia, utilizzarono un giacimento di elettro, lega naturale di oro e argento rinvenuta in abbondanza presso il fiume locale, per coniare le prime monete.

Dopo un’accurata pesatura, il lingotto veniva posto sull’incudine e marcato con punte di ferro battute col martello, lasciandovi impresse le figure di animali come leoni o teste di cavallo.

Circa mezzo secolo dopo la prima monetazione, il livello di avanzamento tecnologico di questo popolo consentì di separare l’oro e l’argento della lega di elettro in modo da ottenere lo Statere d’oro e quello d’argento.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.