Monete dell’antica Roma

 

Circa cento anni dopo la comparsa della monetazione nell’Italia meridionale, anche gli antichi romani utilizzarono monete contenenti rame nell’Italia centrale ma, a differenza di quanto avvenuto nelle città greche, il relativo valore nominale era corrispondente a quello del metallo utilizzato.

Infatti, prima che le influenze greche giungessero in Italia, i popoli romani (ed etruschi) usavano il bronzo a peso come denaro, e solo successivamente si adeguarono al modello greco conferendo alla lega la forma di moneta valorizzata secondo il peso in once e assi.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.