La prudenza al bancomat

Con l’aumento del numero degli sportelli bancomat, istallati nelle filiali di tutta Europa, va aumentando pure in maniera preoccupante il numero delle truffe realizzate.

E’ bene quindi avere conoscenza delle raccomandazioni finalizzate a non incappare nei meccanismi predisposti da organizzazioni criminali per sottrarci soldi quando ci rechiamo presso l’ATM.

Fra queste vi è l’utilizzo, quando possibile, degli sportelli bancomat all’interno di banche, edifici ed aree al chiuso, da preferire a quelli all’aperto e isolati.

Oltre a controllare la zona circostante, occorre prestare attenzione alle persone in coda per accedere allo sportello, affinché non si avvicinino troppo.

La digitazione del codice PIN deve essere eseguita rimanendo vicini allo sportello e coprendo le dita sulla tastiera con l’altra mano, onde evitare che altre persone o telecamere nascoste captino le cifre.

Ed infine, per evitare il furto dei dati relativi alla carta bancomat – tecnica denominata skimming – occorre accertarsi che qualche strano dispositivo non sia stato attaccato, anche con la colla, alla fessura per l’inserimento della carta o alla tastiera.

Se la carta dovesse essere trattenuta, meglio denunciare subito l’accaduto: potrebbe trattarsi di card trapping, con cui viene sottratta la carta originale.

Potete trovare ulteriori specificazioni sul sito web IlSole24Ore.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.