La falsificazione del modello F24

La Corte di Cassazione, con sentenza del 24 settembre 2008 n° 36687, ha stabilito che il modello F24, utilizzato anche per il pagamento di sanzioni per irregolarità fiscali, è un attestato, e non un certificato.

Pertanto, la materiale falsificazione del modello F24 integra il reato ex artt. 478 e 482 c.p. quando l’autore del falso sia un privato. Il soggetto privato che lo altera rischia una condanna da 1 a 4 anni di reclusione per falsità materiale, anziché da 6 mesi a 3 anni per falsità del certificato.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.