L’Amore vincitore: un’opera senza prezzo del Caravaggio giovane

Eseguito nei primi anni del ‘600 per commissione del marchese Vincenzo Giustiniani, uomo di vasta cultura e collezionista poi rifiutatosi di vendere per una somma pari a 6 volte i denari necessari alla realizzazione di un’opera pittorica del tempo, l’Amore Vincitore traspone più di altri quadri l’animo giovanile di Caravaggio.

Considerato scandaloso per l’epoca e conservato di nascosto da Giustiniani che mostrava l’opera soltanto a chi riteneva potesse apprezzarla, il dipinto colpisce non solo per l’innovativo nudo integrale, ma soprattutto per l’ostentazione degli attributi sessuali di un giovinetto che ride, o meglio, irride le arti, le scienze, le lettere e la guerra.

L’amore sensuale e profano di Caravaggio, nei tratti di un monello ammiccante fra quelli che più volte entravano nei suoi quadri, sovrasta tutto ciò che giace vinto a terra nella rappresentazione simbolica della corona, degli strumenti musicali e dello spartito, della corazza e del libro, degli strumenti dell’astronomia e della geometria: è la manifestazione piena dello spirito energico, ironico e spensierato dell’Artista.

E il pathos che Michelangelo Merisi ha saputo infondere, intenso al punto da non fare mistero delle proprie pulsioni erotiche omosessuali, non appare scalfito dalla rappresentazione delle ali d’aquila appiccicate sulle spalle del fanciullo, quasi che l’Artista, spaventato dalla dissacrazione compiuta del tema, abbia voluto tornare sui suoi passi dichiarando la leggerezza dell’opera.

L’Amore Vittorioso è veemente, e tale rimane a distanza di quattro secoli dalla sua creazione, tanto da meritarsi le attenzioni della critica che lo pone fra le opere di attribuzione certa degne di massimo riguardo. Come avverrà nella mostra aperta a Roma per la celebrazione del 4° centenario della morte del pittore, presso le Scuderie del Quirinale dal 20 febbraio al 13 giugno 2010 (www.scuderiequirinale.it).

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.