Guida al lavoro occasionale

Nell’ambito della campagna di legalità sul lavoro accessorio e occasionale promossa dalla direzione regionale Inps Lazio, è stata distribuita una guida in cui si delinea il sistema dei “buoni” con valore nominale pari a 10 Euro ciascuno.

Le prestazioni di lavoro occasionale accessorio, non riconducibili a contratti di lavoro, vengono pagate attraverso detti voucher col limite economico di € 5.000 per i compensi percepiti dal prestatore di lavoro, nel corso dell’anno solare, da parte di ciascun singolo committente (mentre per i percettori di prestazioni integrative di salario o sostegno al reddito come cassintegrati e lavoratori in mobilità, detto limite si abbassa ad € 3.000). Il compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato.

E’ garantita la copertura previdenziale presso l’Inps e quella assicurativa presso l’Inail: il valore nominale comprende i contributi Inps (13%) e l’assicurazione Inail (7%), ovvero il valore netto del voucher da 10 Euro è pari a 7,50 Euro una volta sottratto il compenso al concessionario (Inps) del 5%. Tuttavia, nel caso di prestazioni svolte per imprese familiari, trattandosi di prestazione di lavoro dipendente, il valore netto scende ad € 5,80.

I buoni cartacei acquistati dal committente presso le sedi Inps (o anche per via telematica dal sito Inps), e non utilizzati, sono rimborsabili a mezzo restituzione presso le stesse sedi, mentre la riscossione dei buoni da parte dei lavoratori può avvenire presso un qualsiasi ufficio postale.

Per ulteriori informazioni a cui fossero interessate le categorie di studenti, pensionati, casalinghe e disoccupati, è possibile contattare la linea gratuita

CONTACT CENTER INPS – INAIL
803.164

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.