Chiusura 2010 di Mediolanum: utile in crescita e dividendo a 15,5 centesimi

Considerata la presentazione dei dati di bilancio consolidato “pro-forma” (http://www.questidenari.com/?tag=risultati-31-dicembre-2010) senza effetto dell’alienazione dei titoli Lehman Brothers, l’utile netto di 224 milioni di euro (+3%) registrato nel 2010 dal gruppo Mediolanum ha spinto il CdA a proporre all’assemblea un dividendo pari a 0,155 euro, leggermente in crescita rispetto ai 15 centesimi del 2009. Così si legge da una nota del gruppo.

Ciò significa che il prossimo 22 aprile sarà proposta la distribuzione di un saldo di 0,07 euro per azione (al lordo di ritenute e derivante dall’acconto del novembre 2010 per 0,085 euro) a partire dal 26 maggio 2011, con stacco cedola (n° 22) il 23 maggio 2011.

Le masse amministrate Mediolanum hanno toccato il massimo storico con oltre 45,8 miliardi di euro (+14% rispetto al 31/12/2009).

La raccolta netta è risultata positiva per 4.048 milioni di euro e, per quanto riguarda il mercato domestico che include Banca Esperia, l’utile netto è stato pari a 234 milioni (+5%) e le masse amministrate sono aumentate del 14% arrivando ad oltre 43,8 miliardi.

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.