Carcere a vita per l’assassino di Emily Sander

Con rapidità rispetto a tempi della giustizia a cui siamo abituati, il 31 marzo 2010 il giudice distrettuale David Ricke della Contea di Butler, nel Kansas, ha condannato Israel Mireles a trascorrere il resto della sua esistenza in prigione.

Il nome del giovane messicano non dirà nulla a molti di voi, pur trattandosi di un detenuto sulla cui testa l’accusa statunitense aveva posto cauzione per la cifra record di 3 milioni di dollari; come anche saranno in pochi a ricordare Emily Irene Sander, nota per aver sfruttato commercialmente la propria immagine col nome d’arte di Zoey Zane su un sito web dedicato ad un pubblico adulto (http://www.questidenari.com/?tag=emily-sander).

A differenza di quanto accadde nel novembre del 2007, coi media di tutto il mondo in fermento per la sparizione di una ragazzina provocante, un po’ studentessa e un po’ imprenditrice, nulla si è saputo a inizio anno sugli sviluppi del processo a carico dell’unico imputato, né delle testimonianze rese dai conoscenti della vittima e dell’assassino.

Sottolineando la mancanza assoluta di rimorso per aver stuprato e strangolato col filo di un telefono la ragazza, il cui corpo veniva descritto dal medico legale come pugnalato due volte al torace, colpito con forza ad una tempia e straziato da numerose ferite procurate forse con una bottiglia di birra spaccata, il tribunale americano ha inflitto a Mireles la punizione massima prevista, dato che la pena di morte per iniezione letale non avrebbe potuto essere applicata in conseguenza degli accordi col Messico al momento del rilascio per estradizione.

Probabilmente un mix di alcol e cocaina deve aver offuscato la mente del giovane, dichiaratosi estraneo all’omicidio (che sarebbe stato provocato da un terzo uomo per un affare di droga andato male) e fuggito in preda al panico dopo essersi accorto di quanto accaduto alla vista del sangue nella sua stanza, ed infine incapace di spiegare ai giudici il motivo per cui avrebbe avvolto in una coperta il corpo senza vita di Emily per trasportarlo con la sua macchina prima di abbandonarlo in un fosso.

Il tribunale, pur ritenendo improbabile che Mireles possa provvedervi, ha condannato il 26-enne di origine messicana al pagamento di 10.726 dollari a titolo di risarcimento, spese del funerale incluse. E’ giusto così, ha concluso il giudice.

Fonti: varie, El Dorado Times

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.