Asta Bot semestrali e Ctz del 27 dicembre 2013

Con regolamento 02/01/2014, il MEF ha disposto per venerdi 27 dicembre 2013 l’emissione dei Buoni Ordinari del Tesoro semestrali col sistema di collocamento dell’asta competitiva e l’emissione dei Certificati di credito del Tesoro “Zero coupon” col sistema di collocamento dell’asta marginale.

I Bot 6 mesi (ISIN IT0004981269, emissione 02/01/2014, scadenza 30/06/2014, durata 179 giorni) sono offerti in prima tranche per un importo pari a 8 miliardi di euro ed avevano fatto registrare rendimento medio ponderato pari allo 0,539% nell’asta dello scorso 27 novembre.

Nella mattinata di venerdi i Bot semestrali, assegnati per l’intero importo offerto, hanno fatto registrare rendimento medio ponderato in salita allo 0,827%, prezzo medio ponderato 99,59 ed hanno ricevuto richieste per 10,59 miliardi di euro (rapporto di copertura 1,32). Il rendimento dei Bot 6 mesi scende al rendimento semplice netto minimo dello 0,322%, secondo Assiom Forex, una volta applicata la ritenuta fiscale e sottratte le commissioni bancarie massime.

I Ctz (ISIN IT0004978208, emissione 29 novembre 2013, scadenza 31 dicembre 2015) sono offerti in terza tranche per ammontare nominale dell’emissione da un minimo di 2 miliardi di euro ad un massimo di 3 miliardi di euro ed avevano fatto registrare rendimento lordo pari all’1,163% nell’asta dello scorso 26 novembre.

Nella mattinata di venerdi i Ctz 24 mesi, assegnati per oltre 2,63 miliardi di euro (rapporto di copertura 1,48 derivante da richieste per oltre 3,903 miliardi di euro), hanno fatto segnare rendimento lordo in salita all’1,346% e prezzo di aggiudicazione pari a 97,368.

Fonte: Dipartimento del Tesoro

(per la prossima asta dei Ctz: “Asta Ctz e BTP€i 5 anni del 28 gennaio 2014“)

(per la prossima asta dei Bot 6 mesi: “Asta Bot semestrali del 29 gennaio 2014“)

Lascia un commento


L’autore, Gianluca Libbi, nega ogni autorizzazione a copiare e ripubblicare, per intero ed in qualsiasi altro luogo, i testi presenti sul sito web “www.questidenari.com”. Leggere le informazioni di copyright per ulteriori dettagli.